22 luglio 2008

Dagli USA: calorie nei menu

Una bella idea che diventa legge negli Stati Uniti: obbligo di indicare accanto a nome e costo del piatto anche il computo calorico. Mi sembra una bella proposta che aiuta la lotta all'obesità dilagante negli USA ma che anche da noi potrebbe diventare molto utile per il controllo della linea. E' vero che magari sapere che il piatto che ti appresti ad ingurgitare ha un tot calorie può alimentare sensi di colpa preventivi e farti godere meno la pietanza, però almeno evita le tristissime lacrime di coccodrillo. E poi soprattutto permetterebbe di fare un po' di chiarezza, a volte davvero si sente tutto ed il contrario di tutto su alimentazione e dintorni. Insomma le ciccie hanno le ore contate!! Ma i bimbi grassotelli sono proprio stupendi!!

6 commenti:

simona ha detto...

Domenica al mare sono rimasta esterrefatta nel vedere come son grassi i ragazzini di ora! Allucinante, ma come si fa, dico io! Invece che proporre una pesca, un'albicocca, una banana le mamme cosa danno? Ciambelle, gelati, panini con tutto e di più..., lasagne per pranzo, frittura di pesce sulla spiaggia!Se ne accorgeranno quando diventano adulti...

Simo10 ha detto...

dici?????????''
mc Donald's lo fa già da diversi anni. Nel retro della tovaglietta c'è scritto tutto!
Per la cronaca l'80% dei panini da loro venduti hanno + del 100% della dose quotidiana consigliata di grassi... insomma un "BiG Tasty" sostituisce un'intera giornata di pasti

Katia ha detto...

quando saranno adulti faranno come noi.. panini e birra.. aiuto che vergogna! scherzo.. simona weddingplanner (per distinguervi!)hai ragione!

ah si simo10?? beh mc donalds avrà dovuto farlo per difendersi dalle critiche.. comunque ora è obbligatorio per tutti, con multe per i trasgressori fino a duemila euro.

Mi piacerebbe piu' informazione anche da noi; in Francia per esempio fuori dai ristoranti c'e' appeso il menu cosi si può vedere cosa c'e' di buono ed anche valutare la spesa. da noi menu a voce e poi la stangata! no??

Ale ha detto...

si i bimbi cicciotelli sono troppo carini ma solo fino ai 3-4 anni. Dopo mi arrabbio anch'io come simona con le mamme che li ingozzano. ciao bella!

Anonimo ha detto...

chi va da mac donalds dovrebbe comunque sapere che è un mese in meno di vita ogni volta, altro che conteggio calorie!! ciauz!

Stk ha detto...

Ok, arrivo che un c'è nemmeno più i semaio, ma katia è una nuova conoscenza...

Qualsiasi informazione venga data al consumatore è un fatto positivo! (leggevo oggi il post OGM su papero giallo).

Però come tutte le informazioni sono utili se esatte, mi spiego:
risulta piuttosto difficile per un ristoratore calcolare le calorie di un piatto da lui proposto in quanto non sono sempre uguali, anche se apparentemente possano sembrarlo i vari ingredienti differiscono a volte in modo significativo per valori nutrizionali, senza contare che il metabolismo è un meccanismo molto complesso dove le calorie prese di per se non sono tutto, dipende molto anche da come abbini i diversi alimenti e in quale momento della giornata li assumi, insomma un gran casino!
Sarebbe bello ed opportuno che una base di queste conoscenze venisse elargita durante la nostra formazione (a scuola) così da comprendere una volta adulti anche le differenze che si trovano tra i prezzi di un tipo di ristorante piuttosto che un altro.
P.S.
provate a trovare due tabelle nutrizionali degli alimenti con valori coincidenti, cosi pazze!!

Buena vida.